Regione Emilia-Romagna

SAN GIROLAMO HUB – UN LUOGO PER TUTTI

Hai gestito, partecipato o hai info su questo processo? Integra le informazioni
Certificato

Processo

Stato di avanzamento

Concluso

Natura Processo

Processo certificato non finanziato

Certificato ai sensi dell’art. 18 L.R. 15/2018

Anno della certificazione

2024

Costo complessivo del processo

7.000,00 €

Anno di avvio

Anno di chiusura

2023

Durata (mesi)

12

Gestione di Processo

Struttura responsabile del processo

Area Territorio e Programmazione Comune di Guastalla

Tavolo di Negoziazione

Il Tavolo di Negoziazione è stato costituito prendendo il via da un nucleo di partenza, formato dai soggetti che avevano preso parte al percorso partecipativo del 2021, convocati ad un primo incontro online (20 aprile 2023). A seguire, il TdN si è allargato ad altre persone e ha dato vita ad un gruppo che ha preso parte a tutte le attività del percorso ma si è anche riunito tre volte in autonomia per sviluppare proposte di servizi e gestione del nuovo spazio. A questo gruppo è stato riconosciuto il ruolo di TdN, tuttora attivo, che comprende cittadini singoli, membri di associazioni, imprenditori ed operatori economici locali. Poiché rappresenta il gruppo 5 interessato alla gestione dello stabile, la sua attività sta proseguendo anche dopo la conclusione del percorso partecipativo ed è supportato dai referenti del comune e da esperti di CSV Emilia (Centro Servizi per il Volontariato) nell'individuare la forma giuridica e nel rispondere alle future manifestazioni di interesse provenienti dal comune.

Titolari della decisione

Comune di Guastalla

Soggetti esterni

Circolo Amici di San Girolamo / Eubios s.r.l. / Parrocchia di San Girolamo

Partecipanti

Singoli cittadini

Territorio Interessato

Mappa

media/odp_files/comune_guastalla.jpg
Guastalla

Caratteristiche

Ambito di intervento

Tipo di partecipazione

Partecipazione volontaria

Codecisione

Design del processo partecipativo

Nel mese di maggio 2023, il Comune di Guastalla ha presentato in un incontro pubblico progetto “SAN GIROLAMO HUB – UN LUOGO PER TUTTI”, ovvero il recupero dell’ex Circolo nel centro della frazione, risultato beneficiario del contributo per il Bando Rigenerazione dell’Emilia-Romagna. L’incontro è stato il 1° laboratorio partecipato del nuovo progetto di rigenerazione urbana un percorso che porterà alla la scelta condivisa degli usi futuri e i possibili modelli di gestione dell'edificio. Il progetto è frutto anch’esso di un percorso condiviso insieme agli abitanti della frazione nel mese di novembre 2021, il cui premo è stato il finanziamento del progetto da parte della Regione Emilia-Romagna e al cofinanziamento del Comune di Guastalla. I lavori di riqualificazione saranno avviati durante l’estate 2023 mentre e dureranno circa 180 giorni lavorativi, parallelamente si svilupperanno i laboratori di partecipazione con i cittadini per costruire insieme un progetto di gestione. L’oggetto del percorso riguarda le scelte relative alla rifunzionalizzazione e alle modalità di gestione dell’ex circolo ricreativo della frazione di San Girolamo, nel comune di Guastalla. Nell’ambito del Programma di Rigenerazione Urbana finanziato dal Bando RU 2021, denominato “San Girolamo HUB”, il percorso si è concentrato su usi, attività da insediare, governance e possibili modelli gestionali dello spazio rigenerato. Nello specifico, si è dato spazio ai bisogni e alle esigenze espresse dalla cittadinanza per ideare e co-progettare funzioni e servizi non presenti nella frazione, con una particolare attenzione per le giovani generazioni. Il percorso si è collocato nella fase successiva alla progettazione definitiva degli interventi, contribuendo a rimodulare il progetto esecutivo delle opere e delineando i possibili scenari per la procedura di individuazione di uno o più soggetti gestori della nuova struttura. Fasi del percorso: Condivisione (aprile-maggio 2023) Come già accennato, un primo percorso di condivisione ed ascolto è stato svolto nel 2021, grazie al quale si è stabilito che il circolo rimanesse alla comunità e non venisse alienato, vendendolo a privati. Sono state individuate alcune funzioni macro del nuovo circolo, da adibire a spazio di comunità, e delineati i contenuti della proposta presentata al Bando RU21. Ad aprile 2023, quindi, è stato convocato il gruppo 2021, il primo nucleo del TdN, a cui è stato presentato il nuovo percorso partecipativo, collegato ed integrato alle azioni immateriali (in particolare l’azione A-1) del Programma di Rigenerazione Urbana. I componenti del TdN sono stati invitati a promuovere e a prendere parte ai successivi incontri laboratoriali pubblici, sottolineando l’importanza di coinvolgere anche giovani del territorio. Apertura (maggio- luglio 2023) In questa fase sono stati svolti tre incontri in presenza: uno di presentazione/lancio e due di tipo laboratoriale, tutti svolti all’aperto, sotto al tendone dell’attuale circolo della frazione, gestito dall’associazione “Amici di San Girolamo”. Il primo incontro (23 maggio 2023) è stato utile per condividere con la cittadinanza presente (oltre 50 persone) il cronoprogramma del percorso, la situazione attuale, gli obiettivi delle azioni immateriali, il progetto definitivo degli interventi e i risultati già conseguiti. L’incontro successivo, il primo laboratorio di coprogettazione (13 giugno 2023), è stato un confronto facilitato a partire dalla domanda stimolo “Quali soluzioni concrete per la gestione dell’ex circolo?”. Il momento era pensato come una un momento di lavoro in sottogruppi, ma viste le resistenze delle persone presenti, si è scelto di rimanere in plenaria, con qualche difficoltà per le facilitatrici. Dal laboratorio sono emerse diverse funzioni da inserire all’interno dell’hub e vari spunti sulle possibili modalità di gestione. In chiusura un gruppo spontaneo di partecipanti ha segnalato pubblicamente il proprio interesse a valutare la possibilità di assumersi la gestione della struttura e a riunirsi in maniera autonoma per sviluppare un’idea di partenza. Tale gruppo è stato individuato come il nuovo TdN, che ha incluso diversi componenti del nucleo di partenza. Il secondo incontro laboratoriale (4 luglio 2023), che ha visto la presenza della cittadinanza assieme al TdN, si è aperto con la presentazione da parte del Tavolo della propria proposta relativa ai servizi da insediare e alla modalità di gestione. È seguito un confronto facilitato per il chiarimento di alcuni dubbi e aspetti da approfondire, con i contributi degli amministratori e dei tecnici comunali. Chiusura (luglio-novembre 2023) La fase di chiusura ha riguardato diversi confronti interni all’amministrazione comunale, necessari per meglio definire i contenuti del documento conclusivo DocPP, la redazione del DocPP stesso e la sua presentazione al TdN in seduta pubblica (14 novembre 2023). Visto il periodo autunnale, l’incontro si è svolto presso il salone dell’oratorio parrocchiale di San Girolamo. Durante l’incontro è stato illustrato il DocPP, riassumendo le proposte emerse, e dato il via alla successiva azione immateriale del CRU (Azione A-2). Per introdurre alla nuova azione, di formazione e accompagnamento, successiva al percorso partecipativo, all’incontro sono stati invitati i rappresentanti del circolo "Kaleidos" di Poviglio e della “Bottega del Tempo Libero” di Boretto, per consentire il confronto con realtà consolidate che hanno saputo far emergere elementi di valore e complessità.

Utilizzo di piattaforme tecnologiche e strumenti digitali

No

Presenza femminile rilevata

Non indicato o dato non disponibile nelle fonti consultate

Riscontro della prevalenza di genere fra i partecipanti

Non indicato o dato non disponibile nelle fonti consultate

Conciliazione tempi di vita e lavoro

Non indicato o dato non disponibile nelle fonti consultate

Figure Professionali

Facilitatori (Esterni)

Tecniche di Partecipazione

Face Model / Focus Group

Obiettivi e Risultati

Obiettivi

Definire modello di gestione del nuovo circolo di San Girolamo; definire tipologie di spazi e funzioni all’interno dello stabile; individuare forme di partenariato pubblico-privato

Risultati Attesi

Riattivazione della cittadinanza; partecipazione della comunità; emersione di proposte da parte della componente giovanile della frazione; emersione e finalizzazione delle proposte di uso degli spazi; co-definizione delle modalità gestionali del nuovo circolo; emersione di un gruppo di persone interessate alla gestione dello spazio

Documenti di proposta partecipata previsti

Documenti di proposta partecipata approvati al termine del processo

Descrizione Documenti

Documento di proposta partecipata

Upload Documento finale condiviso

Livello di partecipazione

EMPOWERMENT

Indice di partecipazione

25 / 30

Requisiti per la Certificazione di Qualità

Sollecitazione realtà sociali

L’apertura del percorso partecipativo ha coinciso con la riattivazione di un precedente percorso svolto dall’amministrazione comunale nel 2021. I partecipanti sono stati coinvolti, tramite invito mirato e diretto da parte degli amministratori, ad un incontro preliminare online. A questo è seguito un incontro pubblico con un rinfresco per rendere maggiormente conviviale il momento, coinvolgendo uno dei forni del territorio per la preparazione del cibo. Gli incontri da maggio a luglio 2023 si sono svolti nella sede del circolo attuale della frazione, è stata quindi coinvolta l’associazione “Amici di San Girolamo”, che gestisce tale spazio. La popolazione della frazione e del territorio circostante è stata invitata alla partecipazione con strumenti informativi online (web e social) e offline (affissione di locandine). Visto l’interesse a creare uno spaccio/bottega di comunità interno alla nuova struttura, sono stati invitati anche soggetti profit ed operatori economici locali, interessati a presentare e offrire i propri prodotti nel punto vendita al piano terra. Uno degli incontri laboratoriali, inoltre, è stato dedicato all’emersione delle idee e dei bisogni dei giovani under 35 della frazione. Purtroppo, seppure nella frazione risieda una alta percentuale di persone di origine straniera, che frequentano gli spazi di aggregazione (tra cui le aree gioco dell’attuale circolo), queste non hanno preso parte al percorso. Durante i momenti di confronto è stata sottolineata l’assenza di queste persone e la necessità -ma anche la difficoltà- di coinvolgerle, al fine di progettare uno spazio comunitario e dei servizi/attività che andassero incontro anche alle loro esigenze.

Modalità di inclusione

L’inclusione di nuove persone e realtà è stata favorita durante tutto il processo, grazie alle azioni di comunicazione e sollecitazione e all’organizzazione degli incontri pubblici in orari extra-lavorativi e in luoghi centrali, a ingresso libero, accessibili e facilmente raggiungibili. Trattandosi di una comunità ristretta, è stato incentivato il meccanismo del passaparola e dell’ingaggio tra pari. Il calendario delle attività è stato condiviso con i partecipanti, inclusi le variazioni e gli adeguamenti apportati durante il percorso. Come già detto, in avvio si è partiti dalla riattivazione delle persone coinvolte nel percorso partecipativo 2021, per poi allargare il coinvolgimento a nuovi interessati. Di fatto, agli incontri -mediamente- erano presenti tra le 50 e le 30 persone, numero decisamente alto in rapporto al numero complessivo di abitanti.

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Apertura

In fase di apertura, si è utilizzato Mentimeter per valutare la percezione delle persone sul percorso e sul progetto di rigenerazione. Successivamente, si è preferito adottare un approccio offline per la condivisione dei feedback, considerando la resistenza delle persone presenti nell'utilizzare strumenti partecipativi online

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Chiusura

Durante la fase di condivisione, i due momenti laboratoriali erano originariamente concepiti come focus group, ma i partecipanti hanno richiesto fin dal primo laboratorio di lavorare tramite discussione aperta. Tale richiesta è stata accolta, conducendo i laboratori attraverso discussioni collettive basate su domande stimolo. Per tenere memoria dei contenuti discussi e monitorare gli accordi presi, durante ogni incontro sono stati redatti report, trasmessi via mail ai partecipanti per loro controllo.

Modalità di comunicazione dei risultati del processo

L’attività di comunicazione è stata pensata per consentire l’accesso a nuovi partecipanti in qualsiasi momento ed evento del processo. Nell'ottica di una maggiore fruizione e accessibilità, per la campagna di comunicazione si è cercato di impiegare un linguaggio inclusivo basato principalmente su immagini e/o infografica.

Sintesi della valutazione regionale

L’esame del progetto ha evidenziato la presenza e la coerenza degli elementi richiesti dalla L.r. 15/2018 all’art. 17, comma 2 per la certificazione di qualità ai sensi dell’art. 18 della medesima normativa regionale

Requisiti previsti dal Bando Regionale

Premialità Tecniche

Allegati

01 - Scheda progetto

media/comune guastalla progetto sito.pdf /

02 - Documento di proposta partecipata

media/comune guastalla docpp.pdf

Crediti

Processo segnalato da

Osservatorio Partecipazione
Data ultima modifica: 08/05/2024