Regione Emilia-Romagna

Air break

Hai gestito, partecipato o hai info su questo processo? Integra le informazioni

Processo

Stato di avanzamento

Concluso

Natura Processo

Processo non certificato

Durata (mesi)

24

Gestione di Processo

Titolari della decisione

Comune di Ferrara

Soggetti esterni

HERA / Politecnico di Milano / Sipro Ferrara / Università degli Studi di Ferrara

Partecipanti

Singoli cittadini

Caratteristiche

Struttura responsabile del processo

Comune di Ferrara

Indirizzo

Piazza del Municipio, 2, 44121 Ferrara

Mappa di Impatto

media/odp_files/comune_ferrara.jpg

Ambito di intervento

Tematica specifica

Tipo di partecipazione

Partecipazione volontaria

Codecisione

Numero persone partecipanti (stimate o effettive)

1000

Tra i soggetti partecipanti si registra la presenza femminile

Non indicato o dato non disponibile nelle fonti consultate

Riscontro della prevalenza di genere fra i partecipanti

Non indicato o dato non disponibile nelle fonti consultate

Conciliazione con tempi di vita e lavoro dei partecipanti nella gestione del processo

Non indicato o dato non disponibile nelle fonti consultate

Anno di avvio

Anno di chiusura

2022

Fasi del percorso

Air Break, un progetto del Comune di Ferrara scelto tra i vincitori nell’ambito del programma europeo delle Urban Innovative Actions (UIA), che consentirà di mettere in pratica diverse soluzioni, finalizzate a ridurre l’inquinamento atmosferico del 25% nella città di Ferrara nell’arco di 3 anni a partire dal 2021. I cittadini e gli attori del territorio sono invitati a far parte dell’Alleanza AIR BREAK e dei laboratori di co-creazione per pensare insieme soluzioni nuove e sostenibili. Il processo partecipativo prevede sei percorsi sono dedicati allo sviluppo dei laboratori di co-creazione. Il Comune di Ferrara è l’Autorità Urbana che coordina il Progetto Air Break, finanziato nell’ambito del Programma Europeo Urban Innovative Actions, con una copertura finanziaria di 5 milioni di euro, di cui l'80% finanziato dall'Unione Europea. Il progetto è realizzato insieme a partner illustri e di primo piano sul livello nazionale ed internazionale: Università degli Studi di Ferrara, Sipro Ferrara, Politecnico di Milano, Fondazione Bruno Kessler, Dedagroup Public Services Srl, LabService Analytica e Hera spa. I primi interventi prevedono l’installazione di 14 nuove centraline per monitorare la qualità dell’aria, 50 sensori di monitoraggio da diffusi in città, 4 smart hub, la piantumazione di 2mila nuovi alberi e la realizzazione della nuova pista ciclabile smart che da via del Mulinetto collega alla facoltà di Ingegneria e, con le ricuciture sulle piste ciclabili esistenti, collega al Ponte della Pace, a via Darsena, a Corso Isonzo, verso il cuore della città. Al 2022 sono stati coinvolte 90 enti coinvolti e più di 750 persone che hanno contribuito alla elaborazione di diverse soluzioni progettuali volte a favorire una migliore qualità della vita in città:-Da Settembre 2021, 12 centraline sono già attive sul territorio urbano- Dal 08 al 10 ottobre 2021, si è svolta la prima Festa dell’Aria a Ferrara.-il 26 Novembre 20221 la città si è anche dotata di FerrAria, il primo Centro d’informazione cittadina sulla qualità dell’aria, al Laboratorio ex-Teatro verdi. Il progetto ha organizzato finora più di 80 attività di co-creazione, e visto la partecipazione di oltre 1400 partecipanti. Sono altresì disponibili diversi dati sul metabolismo della città al seguente link https://airbreakferrara.net/dati-sul-metabolismo-di-ferrara/. Il processo partecipativo si intende concluso con la realizzazione dei laboratori di co-progettazione, ma è attiva l'adesione al progetto per le attività di citizen science

Impatto emergenza Covid19 sul processo

Processo non modificato

Utilizzo di piattaforme tecnologiche, metodologie e strumenti digitali

Descrizione strumenti digitali

strumenti di citizen science; adesione on line alle attività di segnalazione, mappa interattiva delle segnalazioni

Figure Professionali

Facilitatori (Esterni) / Esperti della specifica materia trattata (Esterni)

Territorio Interessato

Ferrara

Obiettivi e Risultati

Obiettivi

Il progetto AIR BREAK mira a ridurre l'inquinamento atmosferico del 25% nelle aree urbane pilota di Ferrara, attraverso approcci innovativi e nuove tecnologie per ridurre l’inquinamento e migliorare la qualità della vita. Il progetto affronta sfide legate al pendolarismo, alla carenza di spazi verdi urbani e la mancanza di informazioni aggiornate sulla qualità dell'aria. AIR BREAK prevede l’attuazione di azioni concrete e partecipative, finalizzate a trasformare le "zone ad alta emissione" della città in "zone salutari”. Gli obiettivi specifici:-Aumentare le conoscenze sulla distribuzione dell'inquinamento atmosferico in città -Attuare una serie di azioni concrete e innovative: Una nuova pista ciclabile “intelligente” e 4 smart hub per bici verranno realizzata in città ;14 centraline e 50 sensori low-cost saranno installati per il rilevamento dei dati sull’ambiente, e piantumazione di 2000 alberi per incrementare il verde urbano e i benefici per la salute dei cittadini. -Sensibilizzare i cittadini sui problemi di salute ambientale in relazione all'inquinamento atmosferico. Airbreak prevede di dare luogo a FerrARIA, il primo centro di informazione ambientale dedicato ai cittadini presso il Laboratorio Aperto, ex teatro Verdi. -Promuovere il modello integrato AIR BREAK in Italia e in Europa, come esempio di alleanza tra cittadini, pubbliche amministrazioni e soggetti privati.

Risultati Attesi

Ridurre del 25% in 3 anni l’inquinamento atmosferico nelle aree del territorio particolarmente sofferenti dal punto di vista ambientale.AIR BREAK metterà in campo una serie di misure finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria:-Azioni di coinvolgimento del territorio (cittadini, gruppi d’interesse, imprese);-Interventi fisici: infrastrutture tecnologiche, infrastrutture verdi.Tra le dotazioni principali del progetto:-Un tratto di pista ciclabile smart con soluzioni innovative per tecnologie ICT e materiali;-14 centraline di rilevamento della qualità dell’aria distribuite in città;-Oltre 50 sensori “da adottare” e utilizzare in campagne di coinvolgimento dei cittadini;-4 “smart hub”, ovvero pensiline dotate di servizi alla ciclabilità collocate in punti nevralgici della città;-Messa a dimora di 2000 tra alberi e arbusti in diverse aree della città per contrastare l’effetto isola di calore e per una migliore qualità dell’aria

Documenti di proposta partecipata approvati al termine del processo

No

Indice di partecipazione

21 / 30

Livello di partecipazione

PROGETTAZIONE PARTECIPATA

Crediti

Processo segnalato da

Osservatorio Partecipazione
Data ultima modifica: 25/12/2023