Patto per la convivenza, le regole, la responsabilità in Zona Stazione

Processo

Stato di avanzamento

Concluso

Natura Processo

Processo non certificato

Durata (mesi)

12

Gestione di Processo

Titolari della decisione

Comune di Reggio Nell'Emilia

Partecipanti

Gruppi di cittadini (non specificati) / Singoli cittadini

Caratteristiche

Struttura responsabile del processo

Amministrazione comunale del Comune di Reggio Emilia

Indirizzo

Piazzale Guglielmo Marconi, 1, 42124 Reggio nell'Emilia

Mappa di Impatto

archive/2012615000000.037.jpg

Ambito di intervento

Welfare

Tematica specifica

Gestione dei conflitti sociali

Attività istituzionale correlata al processo di partecipazione

Progetto

Tipo di partecipazione

Regolata da statuti o atti deliberativi

Codecisione

Tra i soggetti partecipanti si registra la presenza femminile

Non indicato o dato non disponibile

Riscontro della prevalenza di genere fra i partecipanti

Non indicato o dato non disponibile

Conciliazione con tempi di vita e lavoro dei partecipanti nella gestione del processo

Non indicato o dato non disponibile

Anno di avvio

2007

Anno di chiusura

2008

Fasi del percorso

Il percorso ha seguito varie fasi: a) individuazione e contatto dei portatori di interesse; b) colloqui individuali o a piccoli gruppi con i portatori di interesse individuati per raccogliere i problemi; c) organizzazione di 4 seminari per l’analisi dei problemi e la proposta di soluzioni.

Utilizzo di piattaforme tecnologiche, metodologie e strumenti digitali

No

Territorio Interessato

Reggio Nell'Emilia

Tecniche di Partecipazione

Logical Framework (Quadro Logico)

Obiettivi e Risultati

Obiettivi

Il quartiere intorno alla stazione ferroviaria di Reggio Emilia è stato attraversato, in particolare nell'ultimo decennio, da rilevanti fenomeni di trasformazione sociale che hanno portato nuove problematicità sociali e di impatto con il tessuto civile preesistente. L'Amministrazione comunale nel 2007 ha quindi messo a punto un progetto strategico per la Zona Stazione, che si articola in varie direttrici d'intervento, dalla riqualificazione urbana ad un più presente presidio della Polizia municipale, dai temi della prevenzione a quelli dell'educazione alla convivenza, dalla qualificazione della rete dei servizi all'individuazione di una serie di strumenti di monitoraggio e controllo della zona.

Risultati Attesi

Il percorso di progettazione partecipata partendo dall'analisi dei problemi della zona, giunge alla proposta di soluzioni praticabili, attraverso un'azione inclusiva della popolazione che vive nell'area e degli interessi di tutti gli attori in campo. Al termine del percorso, l'Amministrazione comunale ha siglato con i residenti del quartiere un Patto per la convivenza, in cui sono contenute le regole e la responsabilità di ognuno. Il documento, sottoscritto da tutti, è stato assunto quale documento strategico di riferimento per le nuove politiche del Comune che ha stanziato in bilancio somme dedicate alla realizzazione di quanto siglato con il patto

Documenti condivisi

Documenti finali condivisi con il soggetto titolare della decisione

Patto per la convivenza, le regole, la responsabilità

Upload Documento finale condiviso

Risultati conseguiti

Patto per la convivenza, documento contenente obiettivi, tempi e disponibilità, sottoscritto da tutti i partecipanti, è stato assunto quale documento strategico di riferimento per le nuove politiche del Comune.

Indice di partecipazione

13 / 24

Livello di partecipazione

EMPOWERMENT

Elementi Correlati alla Certificazione di Qualità del Tecnico di Garanzia

Elementi Correlati all’adesione al Bando Regionale Annuale

Crediti

Processo segnalato da

Osservatorio Partecipazione

Dettagli o note sulle fonti utilizzate

Data ultima modifica: 31/10/2016
torna all'inizio del contenuto