CERVIA ON AIR – La radio web come strumento di cittadinanza digitale

CertificatoFinanziato

Processo

Stato di avanzamento

In corso

Natura Processo

Processo certificato e finanziato

Data inizio

26/01/2021

Gestione di Processo

Titolari della decisione

Comune di Cervia

Soggetto beneficiario dei contributi

Cooperativa sociale MOSAICO

Soggetti esterni

Associazione giovanile ZIRIALAB / Associazione Le Tegole / Associazione Onlus “Il Focolare della Vita” (CAV) / Cooperativa sociale Progetto Crescita (Centro diurno per minori “I ragazzi del sale”) / Istituto Professionale Statale servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Tonino Guerra” di Cervia / Linea Rosa ODV – Centro Antiviolenza Ravenna

Partecipanti

Singoli cittadini

Caratteristiche

Struttura responsabile del processo

Mosaico cooperativa sociale ETS

Mappa di Impatto

media/odp_files/comune_cervia.jpg

Ambito di intervento

Società dell'informazione

Tematica specifica

e-democracy

Attività istituzionale correlata al processo di partecipazione

Progetto

Tipo di partecipazione

Non regolata

Codecisione

Numero persone partecipanti (stimate o effettive)

300

Tra i soggetti partecipanti si registra la presenza femminile

Non indicato o dato non disponibile

Riscontro della prevalenza di genere fra i partecipanti

Non indicato o dato non disponibile

Conciliazione con tempi di vita e lavoro dei partecipanti nella gestione del processo

Non indicato o dato non disponibile

Anno di avvio

2021

Fasi del percorso

CONDIVISIONE DEL PERCORSO (Gennaio 2021 – Febbraio 2021) - Coordinamento interno. - Promozione del progetto e sollecitazione delle realtà sociali. - Costituzione del primo nucleo del TdN e definizione delle regole di funzionamento. - Programmazione operativa del processo partecipativo. - Attivazione strumenti di comunicazione per la promozione. - Briefing workshop /Focus Group. B) SVOLGIMENTO – Apertura del processo (Marzo 2021)- Coinvolgimento della comunità attraverso iniziative ed eventi di apertura - Costituzione definitiva del TdN. - Messa a punto degli strumenti di monitoraggio. - Nomina Comitato di Garanzia. - Apertura del confronto. - Sviluppo delle attività formative. - Utilizzo di strumenti qualitativi di democrazia deliberativa quali il Briefing workshop / World cafè (per l’emersione dei punti vista e l’esplorazione di idee) e il Focus group (per l’approfondimento dei punti di vista – check list delle questioni in gioco). C) SVOLGIMENTO – Sviluppo di processo (Marzo 2021 – Maggio 2021) - Incontri di confronto pubblico (workshop: quadro logico e value propostion design).- Svolgimento del percorso. - Sviluppo della riflessione pratica sulla definizione/realizzazione di proposte operative/modalità co-operative dedicate a CERVIA ON AIR. D) SVOLGIMENTO – Chiusura di processo (Giugno 2021 – Luglio 2021) - Condivisione delle proposte nel TdN. - Valutazione sulle priorità. - Redazione definitiva del DocPP. - Conferenza stampa. - Condivisione generale del modello collaborativo CERVIA ON AIR. - Monitoraggio sull’impatto del processo-risultati nelle policy pubbliche locali. - Monitoraggio sulla piena attuazione della Radio Web di Comunità. - Monitoraggio sull’impatto sociale del progetto. - Realizzazione del reportage finale. E) IMPATTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO/DECISIONALE (Luglio 2021) - Confronto preliminare con il soggetto decisore. - Organizzazione dell’evento di presentazione degli esiti. - Attivazione strumenti di comunicazione per il monitoraggio. - Deliberazione dell’Ente decisore. - Riformulazione ed evoluzione della Carta dei Cittadini Attivi di Cervia evidenziando i nuovi reciproci impegni orientati per eseguire in modo concertato e inclusivo le proposte del meta-progetto CERVIA ON AIR

Impatto della situazione di emergenza sanitaria COVID19 sul processo

Processo non modificato a causa della situazione di pandemia COVID19

Utilizzo di piattaforme tecnologiche, metodologie e strumenti digitali

Descrizione strumenti digitali

attivazione di canale multimediale

Costo del processo

19.000,00 €

Figure Professionali

Facilitatori (Interni)

Territorio Interessato

Cervia

Tecniche di Partecipazione

World Cafè / Focus Group / Logical Framework (Quadro Logico) / Value proposition design

Obiettivi e Risultati

Obiettivi

L’attivazione di una Radio Web di Comunità si pone come obiettivo di dare seguito e mantenere alta l’attenzione su tutti i processi partecipativi che hanno caratterizzato le politiche di welfare dell’amministrazione comunale di Cervia in questo ultimo decennio. In particolare l’obiettivo principale è legato al coinvolgimento dei giovani cittadini cervesi (15 – 34 anni) nella scelta precisa di attivare e utilizzare una Radio Web di Comunità come mezzo e strumento di libera espressione, di democrazia, di cittadinanza attiva e di partecipazione civica, peraltro in risposta ad un bisogno già evidenziato e in parte raccolto dal Comune di Cervia e dai Servizi alla Persona (vd. Allegato – “Chiamata Pubblica”). Attraverso una radio che informi, comunichi, dialoghi e soprattutto dia voce alle persone, sarà possibile creare un contenitore all’interno del quale fare confluire tutte le esperienze che hanno caratterizzato i Servizi Territoriali, in particolar modo quello dei Servizi alla Comunità, e creare un canale multimediale moderno e cooperativo che sia propedeutico a ogni forma di partecipazione comunitaria e di cittadinanza attiva. B) Di seguito gli obiettivi generali: - Sviluppare la democrazia partecipativa, introducendo opportunità di maggiore inclusione dei cittadini nei processi decisionali per diffondere, potenziare e integrare le opportunità offerte dai dispositivi già attivi. - Dare continuità alle esperienze di partecipazione intraprese fino ad oggi, valorizzando e sviluppando gli approcci e le modalità proprie dei processi collaborativi che caratterizzano il territorio cervese. - Valorizzare le realtà organizzate che sono attive sui temi affini al progetto, incoraggiando in particolare il punto di vista e la presenza di giovani. - Rafforzare la competenza di membri attivi della comunità attraverso l’acquisizione di nuove abilità e strumenti utili a migliorare la qualità dell’esperienza civica e partecipativa dei giovani e dei cittadini in generale, in particolare estendendo le possibilità di informazione e comunicazione, mirando al benessere sociale del contesto-comunità. - Sostenere lo sviluppo di azioni integrate tra servizi al cittadino, il volontariato individuale, il terzo settore, incrementando la dote sociale, culturale e narrativa più funzionale ad una pedagogia del bene comune. - Promuovere la diffusione di pratiche partecipative relative alle politiche sociali che valorizzino in particolare i giovani cittadini e cittadine come portatori di disponibilità, abilità e connettori di reciprocità. - Implementare la dotazione delle Tecnologie di Informazione e Comunicazione, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di piena e generalizzata innovazione digitale conforme ai principi di buon andamento, efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa.

Risultati Attesi

Definiamo di seguito Risultato Operativo (scopo del processo – lett. A) e Risultati Specifici (prodotti – lett. B). A) Proposte operative (interventi, attività, strumenti, risorse) per l’attuazione di CERVIA ON AIR, definendo modalità operative chiare (ruoli, relazioni, impegni, valutazione). Le proposte e le modalità operative formeranno il modello collaborativo da assumere come dispositivo attuativo del Documento di Proposta Partecipata (DocPP). Il modello collaborativo dovrà abbracciare sia le suggestioni volte alla definizione della Radio Web di Comunità come oggetto del percorso partecipativo e prodotto primario, sia le attenzioni alla cura della comunità, accogliendo la complessità, le diversità e il soddisfacimento dei principi di partecipazione, informazione e comunicazione nell’ottica di una cittadinanza digitale e contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di digitalizzazione della pubblica amministrazione cervese. B) Di seguito i risultati specifici: - Elaborazione condivisa del meta-progetto (Obiettivi, Funzioni, Servizi, Spazi, Strumenti, Organizzazione, Gestione) per l’attivazione di una Radio Web di Comunità come strumento di partecipazione cittadina e giovanile. - Radio web di comunità attivata. - Spazio comunitario di programmazione e trasmissione radio individuato e allestito. - Gruppo di conduzione Radio Web definito. - Politiche di welfare dell’Amministrazione Comunale di Cervia implementate attraverso lo sviluppo di ulteriori percorsi partecipativi. - Trasmissioni radio di qualità sviluppate. - Coinvolgimento e coordinamento di almeno 15 associazioni / portatori d’interesse ed almeno 150 giovani target di progetto (15 – 34 anni). - Canale multimediale attivato, propedeutico a ogni forma di partecipazione comunitaria e di cittadinanza attiva. - Dotazione delle Tecnologie di Informazione e Comunicazione (TIC) implementata. - Cultura della partecipazione attiva, consapevole, responsabile, radicata. - Pagine web e campagna comunicativa attive e funzionanti. - Coordinamento tra amministrazione e uffici comunali, portatori d’interesse, terzo settore e cittadinanza consolidato.

Documenti condivisi

No

Indice di partecipazione

15 / 24

Livello di partecipazione

PROGETTAZIONE PARTECIPATA

Elementi Correlati alla Certificazione di Qualità del Tecnico di Garanzia

Anno della certificazione

2020

Sollecitazione realtà sociali

Tramite la sottoscrizione dell’Accordo Formale, sono state coinvolte le seguenti realtà sociali, punti di riferimento eterogenei per la cittadinanza, operando da tempo e a diverso titolo all’interno del territorio cervese: - Istituto Professionale Statale servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Tonino Guerra” (punto di riferimento e rappresentativo per il target giovanile 15 – 18 anni); - Consiglio di Zona (portavoce delle esigenze e del punto di vista dei quartieri della città di Cervia); - Associazione di promozione sociale Zirialab (effettuano percorsi artistici e corsi di musica, fotografia, teatro e cinema in collaborazione con la Mosaico cooperativa sociale e il settore delle Politiche Giovanili del Comune dedicati al target di riferimento); - Associazione “Le Tegole” (nata in seguito all’attivazione del percorso partecipativo “Welfare dell’Aggancio” effettuano attivamente interventi nel territorio volti alla gestione dei beni comuni); - Linea Rosa – Centro Antiviolenza Ravenna; - “I ragazzi del sale” (centro diurno dedicato ad adolescenti in situazioni di fragilità del territorio che effettuano percorsi specifici di partecipazione alla vita comunitaria con il supporto e la guida di educatori specializzati); - Centro Aiuto alla Vita (hanno un punto di vista privilegiato sulle necessità e bisogni dei cittadini più fragili). Verranno inoltre coinvolti attivamente 30 giovani che hanno risposto ad una chiamata pubblica, organizzata dal Comune di Cervia, confermando la loro disponibilità a partecipare a percorsi partecipativi per l’attivazione di una Radio Web di Comunità. Saranno coinvolti anche tutti i soggetti fruitori dei servizi del Centro Culturale “Scambiamenti”, punto di riferimento sia per il target giovanile che per utenza di origine straniera del territorio, oltre ai fruitori dei seguenti sportelli dei servizi alla persona: “Sei Donna”, “Cittadini Attivi” (dedicato alle attività di volontariato individuale cittadino), “Informagiovani”; lo Spazio di Comunità “Sala Malva”; la Biblioteca Comunale. Le varie realtà citate e la cittadinanza, con particolare attenzione ai giovani, verranno sollecitate ad aderire al percorso di partecipazione attraverso la distribuzione di materiale cartaceo esplicativo (depliant, manifesti, volantini) lasciato direttamente a disposizione nelle varie sedi delle associazioni e nel territorio, ma soprattutto attraverso una promozione specifica che favorirà i canali web e social. Il materiale promozionale (video, testo e immagini) verrà veicolato tramite i social più utilizzati: Facebook, Instagram, You Tube, Twitter, Tiktok e all’interno dei siti e pagine web dei diversi enti/realtà sociali già coinvolte. Verranno effettuati spot promozionali all’interno delle radio web già presenti nella regione. Tutto il materiale promozionale sarà tradotto in diverse lingue relative alle realtà culturali presenti nel territorio cervese.

Modalità di inclusione

Con l’ausilio dei diversi servizi e delle diverse realtà organizzate attive, sarà elaborata la mappa dei portatori di interesse per individuare in modo mirato quali ulteriori soggetti organizzati coinvolgere dopo l’avvio del processo. Di seguito le azioni: - elaborazione di una mappa in bozza (organizza le informazioni che i soggetti aderenti al percorso detengono in merito a realtà organizzate e non del territorio); pubblicazione della mappa in bozza (on line e in piazza) al fine di raccogliere integrazioni e suggerimenti dai cittadini; - realizzazione di interviste “esplorative” a singole persone o a piccoli gruppi e raccolta delle eventuali candidature (attività di outreach); - elaborazione di una mappa definitiva da condividere con i soggetti aderenti; - coinvolgimento mirato dei soggetti che ancora non hanno aderito, emersi come strategici dall’analisi. In generale, a seguito della prima fase di sollecitazione e di promozione del processo partecipativo, le varie realtà sociali raggiunte verranno coinvolte e incluse nel percorso attraverso l’utilizzo di vari strumenti a seconda delle caratteristiche peculiari dei vari soggetti. In particolar modo, per rendere più incisivo il coinvolgimento dei giovani: - verranno effettuate interviste da svolgere in strada nei pressi dei luoghi di aggregazione giovanile della città; - verranno creati e diffusi materiali video per informare e invitare i ragazzi ad aderire ai vari appuntamenti del percorso; - saranno utilizzate dirette Facebook e interviste on-line indirizzate ai rappresentanti/leader, precedentemente individuati in collaborazione con i vari servizi/enti del territorio; - saranno inviate mail personali dirette a tutti i rappresentati delle realtà sociali individuate e ai cittadini che hanno mostrato un primo interesse al percorso; - verranno creati gruppi WhatsApp dove comunicare rapidamente attività e iniziative. Per tutta la durata del percorso partecipativo si effettuerà una puntuale comunicazione aggiornata sugli stadi di avanzamento, sui contenuti e i vari appuntamenti, condivisa sulle pagine dei social-network. Al fine di permettere agli studenti di poter partecipare agevolmente alle attività partecipative, le stesse verranno svolte in orario pomeridiano. Si potrà prevedere un servizio di traduzione per facilitare l’adesione di stranieri e un servizio di baby-sitting per favorire la partecipazione femminile e delle famiglie. I soggetti e le realtà che avranno dato una prima adesione alla partecipazione del percorso, verranno inseriti in un database che sarà aggiornato in tempo reale. I suddetti soggetti già coinvolti, verranno tenuti costantemente “dentro” il percorso attraverso l’utilizzo di chiamate e video-chiamate informative e dirette ad un eventuale riscontro personale in itinere. Gli eventuali feedback in itinere saranno importanti per calibrare le modalità e gli interventi durante tutta la durata del percorso partecipativo.

Tavolo di Negoziazione

Il nucleo del TdN sarà: - un rappresentante per il soggetto richiedente/decisore; - i soggetti sottoscrittori dell’accordo formale; - soggetti organizzati sollecitati; - referente di progetto; - il curatore del percorso. Le convocazioni agli incontri verranno effettuate tramite mail e avviso pubblicato. Verrà effettuato un incontro “preliminare” di avvio del processo per definire le regole di svolgimento, condividere la mappa dei portatori di interesse, le condizioni normative, l’iter decisionale, la modalità di selezione dei partecipanti, il ruolo dei facilitatori e gli indicatori di monitoraggio. I partecipanti al TdN sottoscriveranno un “Impegno formale alla partecipazione del TdN” attraverso la compilazione di una scheda (scaricabile da web) perché ogni componente possa esprimere il target che rappresenta, le modalità con cui si farà portavoce sul territorio dei risultati del processo, gli strumenti che utilizzerà per raccogliere feedback e sollecitazioni, l’impegno a diffondere l’esito del lavoro svolto. Composizione del TdN: la composizione del TdN segue la mappa dei portatori di interesse, stabilita sui criteri di rilevanza, completezza, rispondenza alle questioni connesse all’oggetto del percorso. La mappa è uno strumento utile a garantire l’individuazione di tutti i punti di vista in gioco per un’equilibrata rappresentatività di interessi/istanze della comunità. Metodi di conduzione: il curatore del processo in sinergia con eventuali facilitatori, si avvarrà di diversi strumenti partecipativi sia per gli incontri in presenza che per quelli da remoto. In particolare indichiamo di seguito: A)Strumenti qualitativi di democrazia deliberativa tra cui: - Briefing workshop / World cafè: per l’emersione dei punti vista e l’esplorazione di idee. - Focus group: per l’approfondimento dei punti di vista (check list delle questioni in gioco). - Quadro Logico: per la definizione di proposte. - Value proposition design: per la valutazione delle proposte condivise. B)Struttura degli incontri: - gli incontri sono calendarizzati. Prima di ogni attività, documenti e schede di lavoro utili ai partecipanti per prepararsi alla discussione saranno pubblicati on line; - ogni incontro è coordinato da FACILITATORI che condurranno la discussione attraverso domande guida, liste di temi-questioni e matrici di supporto e gestione della discussione (microplanning) condivise preventivamente con il TdN; - la discussione avrà momenti di confronto plenario con modalità di restituzione da parte dei portavoce. La maggior parte del lavoro sarà svolto in sottogruppi tematici; - un poster accompagnerà i lavori del TdN con la presentazione delle tappe del percorso e il progressivo andamento della discussione rispetto gli obiettivi di progetto; - di ogni incontro sarà tenuto un registro delle presenze (che terrà conto della realtà rappresentata, del genere, dell’etnia, dell’età); - al termine dell’incontro sarà valutato insieme ai partecipanti l’indice di rappresentatività.

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Apertura

FASE DI APERTURA. Utilizzo di strumenti qualitativi di democrazia deliberativa: - Briefing workshop / World cafè. - Focus group. Metodo per la risoluzione di nodi conflittuali: il punto di partenza è la checklist delle questioni in gioco, cioè una sintesi di tutti gli interessi/istanze della comunità/benefici collettivi e punti di vista/posizioni convergenti/divergenti. Partendo dalla checklist, il Tavolo di Negoziazione prova a rispondere alla domanda “Come utilizziamo le questioni/posizioni emerse per formulare proposte efficaci, eque, stabili e sagge rispetto al tema che stiamo trattando?”. La sfida posta è di trarre profitto dalla complessità e dalle divergenze (non è dunque la singola posizione, ma l’insieme delle posizioni): - ogni soggetto del tavolo formula una o più proposte e illustra le motivazioni che le sostengono; - il facilitatore invita i soggetti a individuare le proposte rispondenti a più esigenze e interessi della cheklist selezionandole tra quelle emerse o riformulandone/componendone alcune; - in caso di non accordo, la discussione procede ponendo la domanda “Cosa si dovrebbe cambiare per venire incontro alle preoccupazioni emerse?”; - vengono formulate proposte positive cumulative. Le opzioni così moltiplicate sono poi composte in opzioni oggetto di valutazione “concertata” (sulla base di criteri condivisi). In questo modo il momento dell’invenzione (moltiplicazione di opzioni) è ben distinto dal momento della scelta (definizione/valutazione delle opzioni tra cui scegliere quelle ottimali)

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Chiusura

FASE DI CHIUSURA. Utilizzo di strumenti qualitativi di democrazia deliberativa: - Quadro logico. - Value proposition design. Metodo per la risoluzione di nodi conflittuali: qualora le divergenze dovessero permanere, in quanto non si è riusciti a trattarle attraverso la fase di elaborazione delle proposte positive cumulative prima descritta, sarà adottato seguente metodo: - si vota esprimendo 4 opzioni (favorevole e sostenitore, favorevole non sostenitore, contrario non oppositore, oppositore); - in caso di uno o più oppositori si chiede loro un intervento e altrettanti interventi sono chiesti ai sostenitori; - se gli oppositori rientrano ritirando la loro opposizione, si votano nuovamente a maggioranza le posizioni rimanenti; - se gli oppositori non rientrano, dichiarandosi almeno “contrari non oppositori”, allora il facilitatore chiede al tavolo di votare e se procedere con il voto a maggioranza o rimandare la discussione.

Modalità di comunicazione dei risultati del processo

L’andamento della discussione, i progressivi risultati (report) e l’esito del percorso saranno comunicati attraverso: 1) attivazione e periodico aggiornamento delle pagine web specifiche; 2) i post dei profili attivati dai diversi social network delle diverse realtà; 3) l’attenzione della stampa locale tramite comunicati stampa, articoli, interviste; 4) gli strumenti più tradizionali (pieghevoli, locandine, manifesti), distribuiti e affissi nei luoghi principali del comune di Cervia e del territorio; 5) la pubblicazione dei documenti che testimoniano la decisione presa (atti di Giunta/Bilancio di revisione) e/o il suo avvicendarsi verso l’attuazione delle proposte. In generale verrà privilegiato il tema della rappresentazione in forma grafica dell’esito del percorso, maggiormente chiara, immediata, sintetica. Inoltre concorrerà alla comunicazione degli esiti del percorso anche la riformulazione della Carta dei Cittadini Attivi, evidenziando i nuovi reciproci impegni orientati per eseguire in modo concertato e inclusivo le proposte del meta-progetto

Sintesi della valutazione regionale

Conforme ai criteri di qualità tecnica di cui all’art. 17 della L.R. n. 15/2018, e ai requisiti stabiliti nell’allegato 1 alla Deliberazione di Giunta regionale n. 1616 del 16/11/2020

Elementi Correlati all’adesione al Bando Regionale Annuale

Anno Finanziamento

2020

Importo finanziato dal Bando

15.000,00 €

Tipologia di Soggetto proponente

Onlus

Settore Premiante

Politiche per sostenere la trasformazione/transizione digitale (in tutti gli ambiti)

Bonus Giovani

Accordo

Si

Istanze

Non prevista come premialità nel bando di riferimento

Petizioni

Non prevista come premialità nel bando di riferimento

Altre manifestazioni di interesse (articoli di giornale, blog, ecc.)

Non prevista come premialità nel bando di riferimento

Comitato di garanzia locale

Il Comitato di Garanzia viene nominato ad inizio processo, per poi essere formalizzato. Compito del Tavolo di Negoziazione è formalizzarne l’istituzione e accordarsi sugli strumenti/modalità di monitoraggio specifici. Questi ultimi saranno appunto stabiliti dal TdN. In generale il Comitato di Garanzia sarà composto da tre membri che rappresenteranno a vario titolo i diversi aspetti del percorso di partecipazione. I componenti verranno individuati dalle seguenti realtà organizzative del processo: - 1 componente nominato dal Comune di Cervia (Ente Responsabile della Decisione); - 1 componente nominato dalla Mosaico Cooperativa Sociale ETS (Soggetto Richiedente); - 1 componente nominato dai partecipanti al Tavolo di Negoziazione. L’invito ai potenziali garanti sarà effettuato dal responsabile del progetto, il quale sottoporrà le disponibilità ricevute al Tavolo di Negoziazione per le conferme. Il Comitato di Garanzia sarà istituito fin dall’inizio del processo, e opererà in piena autonomia con la possibilità di richiedere audizioni al responsabile del progetto e al Tavolo di Negoziazione. Sarà il curatore del processo a coordinare tutte le attività valutative e ad aggiornare tempestivamente i componenti del Comitato di Garanzia delle attività in programma condividendo la documentazione prodotta. Il Comitato di Garanzia avrà il compito di monitorare la realizzazione della Proposta Partecipata in termini di valutazione di cambiamenti, verifica del rispetto dei tempi, applicazione del metodo, benefici, impatti e, soprattutto, in termini di valore aggiunto. La definizione puntuale e lo sviluppo del piano di monitoraggio del processo sarà attuato dal Comitato di Garanzia in collaborazione con i membri del Tavolo di Negoziazione in occasione di una seduta congiunta.

Monitoraggio del processo partecipativo

Le attività di valutazione e monitoraggio che si intendono attivare accompagneranno il processo dall’inizio alla fine e coinvolgeranno diversi soggetti. Ai componenti del TdN sarà richiesta un’attività di monitoraggio rispetto alla rappresentatività ed eterogeneità dei punti di vista che sono inclusi nel processo, attraverso il confronto tra la mappatura della rete partecipante che sarà effettuata fin dal primo incontro e l’elaborazione della stessa mappatura al termine del progetto. Gli stessi soggetti saranno chiamati a valutare il processo, attraverso un’indagine mirata con interviste ai partecipanti, i cui esiti saranno consegnati e condivisi con il Comitato di Garanzia (CdG). Al CdG è assegnato il compito di monitorare la realizzazione della proposta partecipata in termini di valutazione di cambiamenti, benefici, impatti e, soprattutto, in termini di valore aggiunto per i promotori, per i beneficiari, per la comunità cervese. Successivamente alla conclusione del processo partecipativo (validazione del DocPP da parte del Tecnico di Garanzia Regionale e invio formale al soggetto decisore), le attività di monitoraggio/valutazione riguarderanno il coinvolgimento, oltre che del TdN e del Soggetto Richiedente, anche dell’Ente Responsabile della Decisione, per condividere la valutazione del CdG, verificare se il processo possa produrre impatto in termini di programmazione locale e policy pubblica, stabilire i tempi di attuazione delle decisioni assunte relativamente al DocPP, valutare come l’attivazione della Radio Web di Comunità possa generare un maggiore ingaggio della comunità nell’attuazione delle proposte, sviluppando nuove partnership con soggetti pubblici, soggetti privati e soggetti del terzo settore. Tra gli strumenti utili allo sviluppo di questa fase citiamo: Report e resoconti: sono previste due forme di raccolta e elaborazione dei contenuti degli incontri (un istant report sarà condiviso in esito ad ogni incontro; un resoconto più dettagliato sarà redatto dal curatore stesso e inviato via e-mail prima dell’incontro successivo per le opportune integrazioni/conferme da parte dei componenti del TdN e per permettere verifiche in itinere). Tali strumenti consentono di organizzare i contributi emersi dal confronto affinché emerga e si possa monitorare la progressione verso i risultati attesi. I resoconti dei vari incontri saranno resi pubblici sul web e affissi nelle bacheche istituzionali. Al termine del percorso i resoconti degli incontri (confermati dai partecipanti e pubblicati on-line) saranno utilizzati per comporre il Documento di Proposta Partecipata.

Cofinanziamento

Non prevista come premialità nel bando di riferimento

Processo in zone terremotate

Non prevista come premialità nel bando di riferimento

Attività di formazione – forme di sviluppo delle competenze del personale coinvolto

Descrizione delle attività di formazione

Il progetto prevede le seguenti forme di sviluppo delle competenze per il personale. Si prevedono due percorsi formativi al fine di sviluppare le competenze del personale coinvolto in due diversi ambiti: 1) competenze riguardanti la conoscenza e l’applicazione di metodologie partecipative innovative per la cura dei beni comuni; 2) competenze tecniche per la realizzazione di una Radio Web di Comunità

Allegati

Scheda progetto e/o allegati

media/mosaico il progetto.pdf

Crediti

Processo segnalato da

Osservatorio partecipazione su documentazione regionale
Data ultima modifica: 17/05/2021
torna all'inizio del contenuto