Ravenna Partecipa

CertificatoFinanziato

Processo

Stato di avanzamento

In corso

Natura Processo

Processo certificato e finanziato

Data inizio

17/04/2019

Durata (mesi)

14

Richiesta e concessione della proroga

Gestione di Processo

Titolari della decisione

Comune di Ravenna

Soggetto beneficiario dei contributi

Comune di Ravenna

Soggetti esterni

ACER Ravenna / AUSER

Partecipanti

Gruppo di cittadini / Singoli cittadini

Caratteristiche

Struttura responsabile del processo

Assessorato bilancio, partecipazione, servizi sociali, casa, politiche giovanili, immigrazione del Comune di Ravenna.

Mappa di Impatto

odp_files/comune_ravenna.jpg

Ambito di intervento

Assetto Istituzionale

Tematica specifica

Cittadinanza attiva e beni comuni

Attività istituzionale correlata al processo di partecipazione

Altre iniziative

Tipo di partecipazione

Non regolata

Codecisione

Numero persone partecipanti (stimate o effettive)

500

Conciliazione con tempi di vita e lavoro dei partecipanti nella gestione del processo

Si

Anno di avvio

2019

Fasi del percorso

CONDIVISIONE DEL PERCORSO (Maggio – Giugno 2019) - Pianificazione operativa: individuazione professionalità esterne, calendario delle attività, piano della comunicazione, realizzazione della grafica di progetto, piano della formazione - Corso di formazione per il personale interno - Prima riunione del Tavolo di Negoziazione - Azioni di outreach - Conferenza stampa SVOLGIMENTO DEL PERCORSO: APERTURA (giugno – settembre) - Avvio della comunicazione esterna multicanale, distribuzione materiale informativo - Organizzazione di 1 evento di presentazione del percorso, della Legge regionale e di esperienze di altre consulte analoghe già attive in regione - Incontri di outreach - Creazione questionario online, diffusione, raccolta dati SVOLGIMENTO DEL PROCESSO: CONSULTAZIONE (ottobre – dicembre) - Analisi dati e restituzione pubblica del questionario online - Realizzazione di 10 World Café (diffusi su tutto il territorio comunale) sui temi del progetto, le buone prassi e le criticità locali LABORATORI DI ELABORAZIONE PARTECIPATA DEL REGOLAMENTO DELLA CONSULTA E CHIUSURA (gennaio- aprile 2020) 5 laboratori di elaborazione partecipativa della proposta di regolamento della Consulta Evento di presentazione dei risultati raggiunti e della bozza di Regolamento da sottoporre al Comune, valutazione partecipativa dei risultati FASE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO (aprile 2020) - Valutazione tecnico-amministrativa del DocPP e integrazione delle indicazioni emerse dal percorso partecipativo - Una riunione con TdN e Comitato di Garanzia prima dell’approvazione definitiva -Approvazione del Regolamento della Consulta entro il 2020 MONITORAGGIO SULLA IMPLEMENTAZIONE ED ESECUZIONE DELLA DECISIONE Una riunione del Comitato di Garanzia, una riunione del Tavolo di Negoziazione. Il Tecnico di Garanzia ha concesso la proroga di 60 giorni a seguito dell'emergenza coronavirus (marzo 2020).

Impatto della situazione di emergenza sanitaria COVID19 sul processo

Processo modificato a causa della situazione di pandemia COVID19

Modifiche intervenute a causa della situazione di pandemia COVID19

Il progetto ha previsto, oltre all’implementazione di una sezione dedicata all’interno del sito istituzionale del comune di Ravenna, la realizzazione di una pagina Facebook denominata “Festival delle culture Ravenna partecipa” che ha lo scopo di promuovere le azioni e gli eventi dei percorsi partecipativi in corso (progetto Ravenna partecipa e Festival delle culture) nonché fornire un’informazione puntuale sui servizi e le attività inerenti immigrazione e intercultura messi in campo dal Comune di Ravenna. L’emergenza Covid-19 ha spinto il servizio immigrazione ad essere più flessibile, agile e creativo. Vi è stata una generale riorganizzazione delle attività, è stato implementato uno sportello online attraverso il quale fornire assistenza e consulenza telefonica, organizzare appuntamenti virtuali ed eseguire pratiche in remoto. Si è agito sul potenziamento della comunicazione, anche con informative multilingue (dalle misure preventive per il contrasto alla diffusione del coronavirus alla documentazione necessaria alle pratiche di rilascio/rinnovo permesso di soggiorno, ricongiungimento familiare e cittadinanza). La pagina Facebook “Festival delle culture Ravenna partecipa” si è reso uno strumento fondamentale per raggiungere e dialogare con migliaia di utenti. Ad oggi sono 7900 quelli che seguono Ravenna partecipa. È necessario pertanto consolidare l’uso di una comunicazione ampia e variegata attraverso un approccio multidisciplinare e intersettoriale che possa attivare e arricchire lo scambio e la messa in circolo di informazioni tra il cittadino ed il servizio immigrazione aggiornandolo sui progetti partecipativi in corso e futuri e sulle attività più prettamente di servizio.

Utilizzo di piattaforme tecnologiche, metodologie e strumenti digitali

Descrizione strumenti digitali

Questionario online; uso social network

Costo del processo

25.000,00 €

Figure Professionali

Facilitatori (Interni ed esterni) / Mediatori (Esterni)

Territorio Interessato

Ravenna

Tecniche di Partecipazione

Outreach / World Cafè / Interviste e questionari strutturati

Obiettivi e Risultati

Obiettivi

Promuovere l'idea di “città bene comune”, quale luogo dell'abitare in cui amministrazione e cittadini sono alleati nella cura e tutela delle persone, dell’integrazione, dell’inserimento sociale. - Promuovere la partecipazione alla vita comunitaria e alla cittadinanza attiva relativamente alla realizzazione di una Consulta di cittadine e cittadini. - Realizzare un percorso che consenta alla cittadinanza in tutte le sue forme ed organizzazioni di confrontarsi in modo informato e consapevole rispetto ai temi delle migrazioni e degli impatti che esse hanno sulla comunità locale. - Diffondere dati ed informazioni sulle migrazioni a Ravenna, al fine di consentire un confronto utile sulle tematiche connesse con il progetto e la consulta. - Elaborare una proposta di Regolamento della Consulta e una proposta di Statuto della Consulta coinvolgendo gli stakeholders cittadini.- Comprendere la percezione dei cittadini rispetto alle tematiche individuate da progetto ed indagare insieme a loro quali potrebbero essere le azioni prioritarie per favorire un miglioramento della convivenza e della coesione sociale. - Creazione di un contesto progettuale e di momenti pubblici di confronto e di mediazione sociale tra portatori di istanze differenti rispetto ai temi della convivenza tra persone di culture diverse, prevedendo un dialogo tra comitati cittadini, associazionismo, Amministrazione, Università. - Facilitazione della conoscenza reciproca e della disponibilità a collaborare tra cittadini attivi sui temi dell'immigrazione, associazioni ed altri gruppi anche informali ed Enti.

Risultati Attesi

Elaborazione partecipata del Regolamento per la nuova Consulta, da proporre come documento della partecipazione;- Costituzione e ampliamento progressivo del Tavolo di Negoziazione, che possa essere il primo nucleo della futura Consulta;- Creazione del Comitato di garanzia locale composto anche da rappresentanti della società civile, in grado di monitorare il percorso e successivamente i suoi esiti;- Realizzazione di una campagna di comunicazione finalizzata a diffondere informazioni rispetto ai temi dei bisogni sociali del territorio e dell'inclusione sociale di italiani e migranti;- Realizzazione di eventi pubblici diffusi su tutto il territorio comunale, dedicati al dibattito e al confronto pubblico rispetto ai temi del processo;- Realizzazione di incontri di ascolto, mediazione sociale ed elaborazione collettiva basati sulle istanze della cittadinanza inerenti i processi di integrazione culturale capaci di coinvolgere i diversi punti di vista.

Documenti condivisi

Documenti finali condivisi con il soggetto titolare della decisione

Documento di proposta partecipata

Upload Documento finale condiviso

Indice di partecipazione

22 / 24

Livello di partecipazione

EMPOWERMENT

Elementi Correlati alla Certificazione di Qualità del Tecnico di Garanzia

Anno della certificazione

2019

Sollecitazione realtà sociali

Nella prima riunione il Tavolo di Negoziazione avrà il compito di individuare soggetti potenzialmente interessati a farne parte, grazie ad una stakeholders analisys. In seguito, durante i suoi incontri il Comitato di Controllo indicherà eventuali ulteriori soggetti da coinvolgere eventualmente anche proponendo le modalità che ritiene più opportune. I soggetti organizzati già identificati riceveranno l'invito a partecipare mediante contatti diretti (principalmente e-mail). Le realtà organizzate non conosciute o i soggetti non organizzati saranno raggiunti indirettamente tramite comunicati stampa e avvisi pubblici, diffusione di materiale informativo o comunicazioni on line. Nella fase di outreach, grazie anche alla comunicazione del progetto, i facilitatori del percorso andranno ad incontrare e a ricercare sul territorio persone e realtà interessate a partecipare, cercando di far emergere eventuali situazioni conflittuali o di opposizione.

Modalità di inclusione

Soggetti da coinvolgere: 1) oltre 30 associazioni straniere (comunitarie ed extra comunitarie) 2) Gruppi informali e comitati di cittadini che segnalano difficoltà di convivenza tra persone di diverse culture (es. comitato Isola san Giovanni, Comitato Darsena, comitati cittadini delle frazioni) 3) Gruppi e comitati di solidarietà e di impegno civico, fra i quali : la Rete civile contro il razzismo, il comitato in difesa della Costituzione, Ass. Avvocato di strada, Femminile Maschile Plurale, la Casa delle donne 4) Istituzioni Scolastiche 5) COOP Sociali con competenze relative ad accoglienza, normativa giuridica nell'ambito delle migrazioni. Soggetti il cui contributo è rilevante per le competenze veicolate: Università di Bologna, Campus di Ravenna, Facoltà di Giurisprudenza. Soggetti strategici per raggiungere le categorie di cittadini più complicate da intercettare e coinvolgere rispetto ai temi del progetto: comitati cittadini, ACER Ravenna, Auser Ravenna, Centri Sociali per Anziani, centri giovanili. Modalità di coinvolgimento e attivazione: Si intendono coinvolgere tutti i soggetti interessati sia negli incontri partecipativi sia nel Tavolo di Negoziazione, che funzionerà secondo le modalità di “porte aperte” per accogliere nuovi ingressi. Anche il Comitato di Controllo sarà aperto alla partecipazione di persone che si candidino ad aderirvi anche dopo l’inizio del processo. La fase di outreach prevedrà momenti di coinvolgimento specifici anche per i nuovi residenti, soprattutto in riferimento agli stranieri che rappresentano il 12% della popolazione residente.

Tavolo di Negoziazione

La creazione del Tavolo di Negoziazione (TdN) sarà una delle prime informazioni veicolate dal progetto, e il primo invito operativo che si farà ai potenziali partecipanti. Il TdN sarà una sorta di “cabina di regia partecipativa”. Nella fase iniziale condividerà con lo staff di progetto la pianificazione operativa e gli indirizzi da dare al percorso. Nella fase della consultazione, in base all’analisi dei dati prodotti dagli strumenti di partecipazione indirizzerà l’operatività dei facilitatori. Nella fase di elaborazione partecipativa del Regolamento della Consulta riceverà le idee e le bozze di lavoro redatte dai partecipanti, e comunicherà loro elementi informativi, osservazioni tecniche ed eventuali proposte. Il primo TdN sarà aperto alle realtà aderenti al progetto e che hanno firmato un accordo formale con il Comune di Ravenna. Il Tavolo di Negoziazione sarà dotato di un regolamento interno che sarà proposto durante la prima riunione ed integrato o modificato con i presenti. Saranno possibili modifiche migliorative anche nel secondo incontro, apportate dai partecipanti al TdN e dal Comitato di Garanzia.

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Apertura

Questionario online e analisi dei dati 10 World Caffé diffusi sui territori, dai quali emergerà un quadro conoscitivo rispetto ai temi della convivenza tra culture diverse e le diverse istanze degli stakeholders. I report dei world café analizzeranno gli elementi di accordo e gli elementi di disaccordo raccolti.

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Chiusura

5 workshop di scrittura collaborativa nei quali sarà applicato il metodo del consenso per arrivare alla scrittura degli articoli.

Modalità di comunicazione dei risultati del processo

Il piano della comunicazione sarà finalizzato a informare la cittadinanza rispetto al progetto e ai temi di interesse pubblico inerenti stimolare la partecipazione attiva all’ideazione della consulta ed elaborazione del regolamento, facendo leva sull’interesse per il proprio territorio far conoscere il documento di proposta partecipata e gli impegni assunti dal Comune. Per assicurare la comprensione della nuova consulta e la condivisione delle scelte di integrazione sociale si attiverà fin dalle prime fasi del percorso partecipativo una campagna di comunicazione sul territorio comunale per spiegare con termini semplici il processo e le sue finalità e sensibilizzare rispetto ai principi della Legge Regionale 5/2004 della Regione Emilia-Romagna “Norme per l'integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati. Il processo sarà veicolato attraverso uno storytelling delle iniziative, delle idee dei partecipanti e dei risultati conseguiti. Saranno inoltre presentate le buone pratiche già attive in città rispetto ai temi dell’interazione culturale, della convivenza e coesione sociale. Gli strumenti di comunicazione saranno: Produzioni grafiche - logo e immagine coordinata del progetto; Pagina web dedicata, inserita all'interno del sito comunale sulla quale verranno inserite le news, le documentazioni, le cartografie; Materiale informativo sul processo partecipativo, distribuito negli uffici del Comune con afflusso pubblico; Social network del Comune di Ravenna; Newsletter; Organizzazione di un evento di presentazione del processo Chiusura del processo con un evento finale.

Sintesi della valutazione regionale

Conforme ai criteri di qualità tecnica di cui all’art. 17 della L.R. n. 15/2018, e ai requisiti stabiliti nell’allegato 1 alla Deliberazione di Giunta regionale n. 108 del 28 gennaio 2019

Elementi Correlati all’adesione al Bando Regionale Annuale

Anno Finanziamento

2019

Importo finanziato dal Bando

17.500,00 €

Tipologia di Soggetto proponente

Comune con popolazione superiore a 5.000 abitanti

Settore Premiante

Bando tematico 2019 per l’erogazione dei contributi regionali agli enti locali della Regione Emilia-Romagna a sostegno dei processi partecipativi in relazione alla revisione dei propri statuti o regolamenti relativi alla partecipazione dei cittadini alle scelte dell’amministrazione

Accordo

Si

Comitato di garanzia locale

Il comitato di garanzia locale composto da almeno 3 persone e da un massimo di 5,sarà coordinato da un'esperta di percorsi partecipativi, dell’Ufficio Partecipazione dei cittadini. Il TdN durante la prima riunione sceglierà i membri del comitato tra una rosa di nominativi indicati dal responsabile di progetto. Il TdN stesso avrà la possibilità di indicare altri nominativi di persone con competenze legate ai metodi partecipativi, al management dei progetti e alla conoscenza dei temi del processo. Almeno un componente del comitato dovrà essere esterno al Comune di Ravenna, allo staff di progetto e dovrà non appartenere ai soggetti firmatari di accordi preventivi.

Monitoraggio del processo partecipativo

Dal momento della consegna del documento di proposta partecipata il Tavolo di Negoziazione e il Comitato di Garanzia inizieranno un percorso di monitoraggio e controllo autonomo rispetto al Comune di Ravenna. In particolare saranno analizzati: - i tempi e le modalità della definizione del regolamento ufficiale della Consulta; - la trasparenza della comunicazione; - la procedura di promozione per l’adesione alla Consulta di persone, associazioni ecc.; - l’andamento operativo del primo anno di attività della Consulta stessa. Parallelamente, il monitoraggio interno al Comune di Ravenna sarà affidato al servizio Politiche per l’immigrazione e la cooperazione decentrata, nell’ambito del Piano Esecutivo di Gestione triennale 2020-2022.

Cofinanziamento

Si

Percentuale Cofinanziamento

30%

Processo in zone terremotate

No

Allegati

Scheda progetto e/o allegati

scheda_progetto_comune_ravenna_2019.pdf /

Documento di proposta partecipata e/o relativi allegati

media/comune ravenna docpp.pdf /

Validazione del Tecnico di garanzia

media/comune ravenna bando tem.2019 validazione docpp.pdf

Crediti

Processo segnalato da

Osservatorio partecipazione su documentazione regionale

Dettagli o note sulle fonti utilizzate

Le informazioni su modifiche causa COVID19 sono tratte dal progetto regionale Ri-partecipiamo
Data ultima modifica: 22/05/2021
torna all'inizio del contenuto