Regione Emilia-Romagna

Vigolzone partecipa - II edizione

Hai gestito, partecipato o hai info su questo processo? Integra le informazioni
CertificatoFinanziato

Processo

Stato di avanzamento

Concluso

Natura Processo

Processo certificato e finanziato

Anno della certificazione

2018

Anno Finanziamento

2018

Importo finanziato dal Bando

9.200,00 €

Cofinanziamento altri soggetti

Si

Costo complessivo del processo

13.200,00 €

Anno di avvio

Anno di chiusura

2019

Data inizio del processo

30/10/2018

Data fine del processo

08/04/2019

Durata (mesi)

6

Gestione di Processo

Comitato di Garanzia locale

Il Comitato di garanzia locale sarà costituito e convocato entro la fine dell’anno 2018 con il compito di: - verificare il rispetto del ‘Patto di partecipazione’, soprattutto in merito agli impegni che i partecipanti al processo dichiarano di assumersi, oltre che a i tempi e alle attività previste dal percorso, i metodi per la gestione delle fase di raccolta delle proposte, di sviluppo dei progetti, di voto e di crowdfunding; - verificare il rispetto dell’imparzialità del processo in tutte le sue fasi; - monitorare la realizzazione dei progetti vincitori del Bilancio Partecipativo Sono invitati a far parte del Comitato di Garanzia: - le associazioni partner del presente progetto (che hanno firmato l’accordo di collaborazione in cui dichiarano di aderire al Comitato) - i membri dei due gruppi consiliari di minoranza

Struttura responsabile del processo

Comune di Vigolzone

Indirizzo

Piazza Serena, 18, 29020 Vigolzone (PC)

Tavolo di Negoziazione

Il TdN è stato costituito lo scorso anno (settembre 2017) all ‘avvio della la prima edizione di Bilancio Partecipativo, con l ‘obiettivo di renderlo uno strumento di coinvolgimento permanente delle realtà interessate alla partecipazione civica e ‘amiche ‘ del Bilancio Partecipativo, una pratica che si sta progressivamente radicando nel paese e che l'Amministrazione vorrebbe adottare come processo annuale ricorrente. Fanno attualmente parte del TdN 11 membri espressione delle seguenti realtà: Comune di Vigolzone Circolo ANSPI RIfugio Alpino Scuola Materna ‘Orfani di guerra ‘ Caritas parrocchiale Pro Loco Vigolzone Associazione Culture per lo Sviluppo Locale Associazione Teatro Instabile Cooperativa Eureka Associazione sportiva UPD Vigolzone1968 Associazione Genitori Vigolzone Si prevede di integrare entro la fine dell ‘anno le seguenti nuove 3 realtà: - la Proloco di Carmiano: - la Parrocchia di Villo - l ‘associazione Vigo Giovane Il TdN ha il compito di: - definire il ‘Patto partecipativo ‘, il documento che contiene le regole per la partecipazione al bilancio partecipativo, compresa la definizione delle modalità e dei criteri di applicazione dei ‘Bonus ‘ - definire nel dettaglio attività e tempistiche per la realizzazione del percorso annuale di partecipazione - supervisionare e valutare lo svolgimento del percorso, rilevando criticità e proponendo modifiche da sottoporre alla Regione e al Tecnico di Garanzia - promuovere la partecipazione dei cittadini alle attività previste dal percorso - monitorare la realizzazione dei progetti vincitori del bilancio partecipativo Programma 1) Fase di attivazione e condivisione: al termine della precedente edizione di Vigolzone Partecipa, è stata fatta una valutazione complessiva dell ‘iniziativa e sono state proposte alcune modifiche finalizzate a migliorare il processo. Tali modifiche sono state recepite dal nuovo Patto di Partecipazione per l ‘edizione 2018 - 2019, che è stato successivamente approvato all'unanimità dal Consiglio Comunale il 30 ottobre 2018 2) Fase di svolgimento del BP (dalla raccolta di proposte al crowdfunding): il TdN sarà convocato al termine di ogni fase (in modalità online o in presenza) 3) Fase di chiusura: il TdN sarà convocato per una valutazione complessiva del percorso Sul sito www.vigolzonepartecipa.org è attiva una sezione di lavoro dedicata al TdN in cui condividere documenti utili al tavolo.

Titolari della decisione

Comune di Vigolzone

Soggetto beneficiario dei contributi

Comune di Vigolzone

Soggetti esterni

Associazione "Culture Per Lo Sviluppo Locale" / Associazione "Teatro instabile di Vigolzone" / Associazione Vigo Giovane / Circolo ANSPI Rifugio Alpino / Fondazione RCM / Parrocchia di Villò / Proloco di Carmiano

Partecipanti

Singoli cittadini

Territorio Interessato

Mappa

archive/comune_vigolzone.jpg
Vigolzone

Caratteristiche

Ambito di intervento

Tematica specifica

Tipo di partecipazione

Partecipazione volontaria regolata da Statuto o atti deliberativi

Codecisione

Design del processo partecipativo

Il processo si articola nelle seguenti fasi: FASE 0 - Attivazione, preparazione e condivisione del 'Patto di partecipazione' - 15 ottobre - 6 novembre 2018 La fase si è già conclusa e ha avuto l'obiettivo di definire e progettare nel dettaglio le tempistiche e le attività del percorso partecipativo; definire e condividere le regole di partecipazione alla seconda edizione del bilancio partecipativo, predisporre i materiali per informare e coinvolgere la cittadinanza sull'avvio del percorso. Risultati 1. La Giunta Comunale ha approvato lo stanziamento dei fondi per il finanziamento dei progetti vincitori della seconda edizione del Bilancio Partecipativo (cfr. dlg 86 del 30/10/2018) 2. E stato ridefinito il "Patto di partecipazione" che recepisce alcune modifiche emerse dalla valutazione dell'esperienza della prima edizione del Bilancio Partecipativo. Il Patto di partecipazione è stato approvato all'unanimità dal Consiglio Comunale il 30 ottobre 2018 (cfr. delibera CC 48 / 2018). 3. Sono state definiti i Bonus per la nuova edizione e le modalità di premiazione 4. Sono stati realizzati i materiali e gli strumenti di comunicazione utili a promuovere e supportare il processo ed è stata riattivata e aggiornata la piattaforma a supporto del progetto: www.vigolzonepartecia.org FASE 1 "Raccolta delle proposte" - 6 novembre - 31 dicembre 2018 La fase ha l'obiettivo di coinvolgere i cittadini nella elaborazione e presentazione di proposte di progetto per il territorio di Vigolzone e delle sue frazioni. Le attività sono state avviate il 6 novembre con l'attivazione della sezione della piattaforma online per la raccolta delle proposte. Sono in fase di realizzazione le 2 assemblee pubbliche e gli incontri mirati con le realtà territoriali per la promozione del bilancio partecipativo e la sollecitazione per la raccolta delle proposte FASE 2 "Valutazione, co-progettazione e sviluppo dei progetti" - 7 gennaio - 12 febbraio 2019 La fase ha l'obiettivo di trasformare le proposte fatte dai cittadini in progetti fattibili da sottoporre al voto. A tal fine saranno organizzati incontri di co-progettazione mirati con i proponenti e i tecnici comunali. FASE 3 "Pubblicizzazione dei progetti e voto" - 12 febbraio - 4 marzo 2019 Questa fase si pone due obiettivi: promuovere presso la cittadinanza la conoscenza dei progetti predisposti; selezionare attraverso il voto i progetti da finanziare con le risorse messe a bilancio per il 2019. Si voterà dal 12 febbraio al 4 marzo 2019 sul sito www.vigolzonepartecipa.org. Chi non ha internet o ha bisogno di aiuto potrà recarsi presso le postazioni di voto assistito che saranno allestite nel Comune. I progetti che hanno ottenuto il "Bonus giovani" o il "Bonus frazione" (assegnati da Consiglio Comunale all'avvio di questa fase) riceveranno un premio del 10% sui voti ottenuti. FASE 4 "CROWDFUNDING" - 5 marzo - 15 marzo 2019 In questa fase verranno promosse le attività per il crowdfunding dei progetti, finalizzate a raccogliere dalla cittadinanza il co-finanziamento richiesto come condizione per ottenere il finanziamento del Comune a seguito della eventuale vittoria. Saranno realizzati eventi pubblici per aiutare i proponenti nella raccolta dei fondi e sarà lanciata una campagna di comunicazione online. FASE 5 "Chiusura e monitoraggio" - 15 marzo - 15 aprile La fase ha l’obiettivo di restituire pubblicamente gli esiti del processo di Bilancio Partecipativo, valutare l’esperienza realizzata e dare avvio delle attività di monitoraggio finalizzate a seguire l’avanzamento dei progetti vincitori. Sarà realizzata una Assemblea pubblica, verranno prodotti un video-racconto e una pubblicazione cartacea per la documentazione del processo, verrà attivata la sezione di monitoraggio sul sito del progetto.

Utilizzo di piattaforme tecnologiche e strumenti digitali

Strumenti digitali utilizzati

CROWDFUNDING; piattaforma web per la gestione online del bilancio partecipativo

Numero partecipanti (stimate o effettive)

417

Presenza femminile rilevata

Si

Riscontro della prevalenza di genere fra i partecipanti

Nessuna prevalenza

Conciliazione tempi di vita e lavoro

Si

Figure Professionali

Facilitatori (Esterni)

Tecniche di Partecipazione

Focus Group / Metodo Diamante / Metodologia Opera / Scatola delle idee

Obiettivi e Risultati

Obiettivi

Il Comune di Vigolzone riconosce nel bilancio partecipativo un metodo sperimentale e innovativo di coinvolgimento e interazione con la cittadinanza finalizzato a far emergere, discutere e co-decidere proposte utili per il territorio. Il "Regolamento comunale per la partecipazione dei cittadini del Comune di Vigolzone", redatto nel 2017 attraverso un percorso di partecipazione che ha coinvolto amministratori e cittadini, identifica il bilancio partecipativo come "una delle forme di partecipazione che valorizza le conoscenze, le competenze e gli apporti dei cittadini che vivono nella comunità e nel territorio" (art.1). Con questo strumento, il Comune persegue i seguenti obiettivi generali: - incrementare la qualità democratica delle scelte del Consiglio comunale e della Giunta; - promuovere coesione sociale facilitando l';individuazione di obiettivi e di mezzi condivisi, e governando la conflittualità; - valorizzare i saperi locali e le competenze presenti nella comunità, oltre che l'impegno verso la comunità locale; - alimentare la fiducia collettiva anche attraverso il confronto critico costruttivo; - attuare il principio costituzionale della sussidiarietà che afferma l'importanza dell'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, nell'ambito e nelle forme stabilite dalla legge - rafforzare l'impegno civico e la costruzione di alleanze con le istituzioni nel prendersi cura dei beni comuni per il territorio, l'ambiente, la sicurezza, la legalità, la salute, l'istruzione, la cultura, i servizi e le strutture pubbliche; - favorire informazione e comunicazione trasparenti per diffondere la cittadinanza attiva. Con questi obiettivi generali, "Vigolzone partecipa", il bilancio partecipativo alla sua seconda edizione, coinvolge la cittadinanza in un percorso finalizzato a: - elaborare, selezionare e co-finanziare proposte per il Comune che siano fattibili e condivise - attivare intorno ai progetti concorrenti comunità di interesse disposte a sostenerli anche economicamente - favorire la partecipazione dei giovani (cittadini con meno di 25 anni di età) all'ideazione di progetti per il territorio comunale; - favorire il diretto coinvolgimento delle frazioni comunali nell'elaborazione di interventi per il loro territorio - rinsaldare la collaborazione con i soggetti organizzati del territorio, coinvolgendoli in modo attivo nel Bilancio Partecipativo, specie nelle attività di supervisione e controllo del processo e di promozione e sostegno dei progetti vincitori

Risultati Attesi

A - Risultati strumentali (attività realizzate) - elaborazione e condivisione in Consiglio Comunale e con i cittadini del "Patto partecipativo", le "regole del gioco" del bilancio partecipativo 2018-2019 - realizzazione di campagne informative (stampa, digitali, social) per coinvolgere gli abitanti nella presentazione delle proposte, nel voto e nel cofinanziamento - aggiornamento della piattaforma web per la gestione online del bilancio partecipativo - realizzazione di 4 assemblee cittadine per la presentazione del percorso, dei progetti al voto e dei risultati - realizzazione di 3 eventi diffusi sul territorio comunale per promuovere la conoscenza dei progetti durante il voto e il crowdfunding - allestimento di una mostra racconto itinerante sui progetti al voto - realizzazione di un video-racconto del processo e dei suoi risultati - realizzazione di una pubblicazione a stampa sul processo B - Output (prodotti tangibili) - Patto partecipativo per il BP 2018-2019 approvato in Consiglio Comunale - Mappa e catalogo delle proposte 2018 per il territorio comunale - Mappa e catalogo dei progetti valutati fattibili e sottoposti al voto per il BP 2018-2019 - Spot video promozionali per i progetti al voto - Mostra itinerante dei progetti al voto - Catalogo dei progetti vincitori del BP 2018-2019 - DOCUMENTO DI PROPOSTA PARTECIPATA -Video-racconto del processo e dei suoi risultati - Pubblicazione sul processo C - Outcome (impatti) - miglioramento della relazione cittadini / Amministrazione: attraverso l'elaborazione di proposte e attraverso il lavoro di co-progettazione che vedrà lavorare insieme cittadini e tecnici comunali alla produzione di progetti fattibili; - accresciuta fiducia nell'amministrazione pubblica da parte dei cittadini: attraverso la condivisione e la sottoscrizione di un "Patto" che definisce regole e impegni reciproci; - accresciuto livello di condivisione delle scelte pubbliche: attraverso il bilancio partecipativo i cittadini sono impegnati direttamente nella scelta su come destinare parte delle risorse finanziarie pubbliche; - accresciuto empowerment dei cittadini e loro fiducia di poter contribuire per migliorare il proprio luogo di residenza, incidendo concretamente nelle scelte amministrative, in particolare nelle comunità di giovani under 25 e nelle comunità di residenti nelle frazioni; - accresciuto senso di comunità, attivazione e rafforzamento dei legami e delle relazioni tra i cittadini: attraverso le campagne elettorali e di crowdfunding che i proponenti organizzeranno e che avranno l'obiettivo di coinvolgere e interessare il maggior numero possibile di cittadini; -mobilitazione di risorse civiche, materiali e immateriali, utili a sostenere le proposte dei cittadini; mobilitazione di comunità di giovani under 25 e dei residenti nelle frazioni e accresciuto attivismo civico in queste fasce di popolazione.

Risultati conseguiti

Il percorso partecipativo si è svolto in un contesto in cui i cittadini già partecipano concretamente in vari modi (cittadinanza attiva, AUSER, associazioni), il bilancio partecipativo ha permesso di coinvolgere anche alcune fasce della popolazione che solitamente è più difficile ingaggiare: genitori dei bambini della scuola materna, delle scuole elementari e medie e dei ragazzi frequentanti il centro di aggregazione, anziani associati al circolo ANSPI, giovani adulti, cittadini residenti in frazioni lontane dal capoluogo. La partecipazione di questi cittadini si è concretizzata prevalentemente con il voto, ma anche tra i proponenti vi erano diversi rappresentanti di queste categorie. Non vi erano particolari situazioni di conflitto, ma l’effetto positivo del percorso si è visto anche nelle alleanze e nelle collaborazioni molto positive tra proponenti di diversi progetti. Da segnalare la donazione fatta dai proponenti di uno dei tre progetti vincitori per co-finanziare un altro progetto vincitore che non aveva raggiunto il budget necessario. Il bilancio partecipativo è uno strumento che permette una effettiva condivisione di scelte di rilevanza pubblica perché invita i cittadini a fare proposte sulla destinazione di risorse pubbliche. Il processo appena terminato ha permesso di condividere la scelta di come destinare 15.000 euro del bilancio comunale.

Documenti di proposta partecipata previsti

Documenti di proposta partecipata approvati al termine del processo

Descrizione Documenti

Documento di proposta partecipata

Upload Documento finale condiviso

Livello di partecipazione

EMPOWERMENT

Indice di partecipazione

27 / 30

Requisiti per la Certificazione di Qualità

Sollecitazione realtà sociali

La seconda edizione del Bilancio Partecipativo coinvolge e rafforza la relazione con tutte le realtà già intercettate nelle prima : Associazione ‘Culture per lo Sviluppo Locale ‘ (è già membro del TdN, è membro del Comitato di Garanzia e partner) Ciroclo ANSPI Rifugio Alpino (è già membro del TdN, è membro del Comitato di Garanzia e partner) Associazione Teatro instabile (è già membro del TdN, è membro del Comitato di Garanzia e partner) Pro Loco di Vigolzone Vigolzone (membro del TdN) Parrocchia e Caritas parrocchiale (membro del TdN) Associazione UPD Vigolzone1968 (membro del TdN) Associazione genitori Vigolzone (membro del TdN) Scuola Materna ‘Orfani di Guerra ‘ (membro del TdN) Cooperativa Eureka (gestore del servizio di aggregazione sociale per i giovani) (membro del TdN) Gruppo Archeologico Alta Valnure, Gruppo Marciatori Alta Valnure, GEV-Gruppo Escursionisti Vigolzonesi, Circolo dei Lettori e biblioteca comunale (bibliotecarie e volontari), Associazioni sportive: ASD Vigo Bike, ASD Bipedi, Proprietà del borgo di ‘Grazzano Visconti ‘, Associazione commercianti Grazzano Visconti. In questa edizione si considera poi necessario sollecitare realtà non ancora coinvolte.In particolar modo, tre organizzazioni nuove aderiscono come partner e entreranno nel TdN e nel Comitato di Garanzia: - la Proloco di Carmiano, La Parrocchia di Villò, l ‘associazione Vigo Giovane. Si prevede di coinvolgere inoltre la Scuola elementare/media (genitori, insegnanti, personale scolastico). Per sollecitare i giovani e i residenti nelle frazioni sono stati istituiti i ‘Bonus ‘, premialità che conferiscono il 10% di voti in più ai progetti che sono presentati da minori di 25 anni e hanno come oggetto interventi a favore dei giovani ( ‘Bonus giovani ‘) hanno come oggetto interventi da realizzarsi sul territorio di una delle frazioni del Comune ( ‘Bonus frazione ‘). I Bonus verranno assegnati dal Consiglio Comunale prima della fase di voto. Le realtà sopra elencate saranno inoltre sollecitate attraverso: - campagne di comunicazione online e a mezzo stampa: articoli sui mezzi di informazione locale, locandine affisse in luoghi pubblici e nelle bacheche comunali, materiale a stampa diffuso in luoghi strategici, siti internet e pagine facebook istituzionali, newsletter, giornalino ‘Il Ponte ‘; - assemblee cittadine per il lancio della fase di raccolta delle proposte, per quella di pubblicizzazione del voto per la chiusura del percorso. -incontri mirati e informali: sulla base di quanto osservato nella prima edizione, per la fase di raccolta delle proposte (la più problematica in merito al coinvolgimento) si ritiene opportuno puntare su strategie di outreach mirato e capillare. Soprattutto verso le realtà più problematiche saranno sperimentate in questa edizione modalità di sollecitazione più informali e dirette, come l ‘organizzazione di incontri ad hoc nei luoghi strategici per queste realtà. eventi, mostre itineranti e spettacoli per la pubblicizzazione dei progetti in gara.

Modalità di inclusione

Il percorso è progettato appositamente per integrare differenti occasioni e livelli di partecipazione, per garantire il coinvolgimento più ampio possibile della cittadinanza, dando modo a tutti di partecipare secondo il proprio interesse e la propria disponibilità, portando contributi anche in fasi diverse del percorso (e anche dopo la sua conclusione, poiché la volontà è quello di istituzionalizzare il bilancio partecipativo come pratica ricorrente e ciclica di partecipazione civica del Comune). Si possono distinguere i seguenti livelli di partecipazione al Bilancio Partecipativo di Vigolzone: - Adesione al Tavolo di Negoziazione: è uno dei livelli più ‘impegnativi ‘, i cittadini sono impegnati nella definizione della regole del ‘Patto partecipativo ‘, nella definizione delle premialità dei bonus previsti (cfr. sopra), nella promozione dei progetti presso la cittadinanza, nella supervisione e valutazione del processo. Attualmente sono coinvolti in questo livello 11 realtà (cfr. di seguito), ma le adesioni sono aperte (e incoraggiate) durate tutto l ‘arco del processo e anche dopo la sua conclusione. - Proposta di interventi: sia in forma associata che in forma individuale, i cittadini possono candidare un progetto al bilancio partecipativo, nel periodo di apertura della fase di ‘raccolta proposte ‘ (per questa edizione dal 6 novembre al 31 dicembre). Al termine di questo periodo rimane comunque aperta la possibilità di prendere al processo per i soggetti che non hanno voluto/potuto partecipare alla prima fase di proposta, in una delle seguenti modalità: -supportando le proposte presentate dai concittadini con il voto; -aiutando nella campagna le proposte preferite; -cofinanziando i progetti vincitori; - partecipando al monitoraggio della realizzazione del progetto - aderendo al Tavolo di Negoziazione per la valutazione dell ‘esperienza e per portare suggerimenti in vista della futura edizione del bilancio partecipativo

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Apertura

APERTURA - fase di attivazione e condivisione: le attività sono condotte attraverso incontri - fase di raccolta delle proposte: i cittadini in forma associata o individuale propongo le proposte di progetto declinate secondo un form stabilito e le caricano sulla piattaforma o le consegnano direttamente in Comune. Vengono organizzati momenti di supporto all ‘ideazione e alla proposta condivisa che utilizzano metodologie tipiche del design partecipativo (scatola delle idee, diamante, opera). fase di valutazione e co-progettazione: questa fase è condotta attraverso la realizzazione di incontri mirati dedicati a ciascun progetto, in cui i proponenti e i tecnici comunali, con l ‘aiuto di un facilitatore affinano la proposta presentata e la trasformano in un progetto realizzabile

Strumenti di DDDP adottati nello svolgimento del processo - Chiusura

CHIUSURA - fase di voto e crowdfunding: i progetti che andranno al finanziamento verranno selezionati attraverso il voto segreto espresso online e in ‘postazione assistite ‘ gestite sul territorio comunale. Il TdN definisce le modalità specifiche di esercizio del voto (es. il numero di voti disponibili, la possibilità di votare più volte lo stesso progetto, la possibilità di esprimere voto negativo ecc.). La piattaforma per la gestione del voto richiede la registrazione da parte dei cittadini che vogliono partecipare al processo e l'identificazione ‘forte ‘, effettuata tramite la richiesta di un numero di cellulare e l ‘invio di un codice di convalida via SMS. Viene inoltre richiesto l ‘inserimento del codice fiscale per verificare con il supporto dei servizi anagrafici del Comune, i requisiti di età, residenza o necessari per avere diritto al voto. - fase di valutazione finale: viene realizzata un ‘assemblea finale in cui attraverso un focus group i partecipanti sono invitati a esprimersi sulla valutazione del processo

Modalità di comunicazione dei risultati del processo

A fine processo, con la chiusura del voto e l’inizio del monitoraggio: - i risultati del voto e del successivo crowdfunding saranno immediatamente resi pubblici sul sito www.vigolzonepartecipa.it (si vedano le modalitàadottate nella prima edizione: www.vigolzonepartecipa.org/bp/projects/vote/progetti-per-vigolzone e www.vigolzonepartecipa.org/content/view/23) - si svolgerà un'assemblea pubblica di chiusura del Bilancio Partecipativo per comunicare i risultati del voto e premiare ufficialmente i progetti e i proponenti vincitori Contemporaneamente con lo scopo di comunicare l’esito delle votazioni, ma più in generale l’esito del processo di Bilancio Partecipativo, verrà attivata l’apposita sezione di Monitoraggio (come spiegato al punto 25) sul sito del processo nella quale verranno comunicati i progetti vincitori e l’iter che il Comune vorrà seguire per realizzarli. Verranno redatti comunicati stampa per la pubblicazione dei risultati sulle principali testate locali. Tali comunicazioni verranno inoltre condivise e fatte circolare attraverso i canali social, newsletter e, più in generale, tramite la diffusione via web. Verrà prodotto un video-racconto del processo con filmati degli eventi e dei momenti salienti di coinvolgimento dei cittadini, a scopo di documentazione e di visual empowerment, cioè rappresentazione e valorizzazione dell’impegno dei partecipanti tramite il linguaggio multimediale. Verrà inoltre redatta una pubblicazione finale che racconterà lo sviluppo e l’esito del bilancio partecipativo 2018 - 2019

Sintesi della valutazione regionale

Conforme ai criteri di qualità tecnica di cui all’art. 17 della L.R. n. 15/2018, e ai requisiti stabiliti nell’allegato 1 alla Deliberazione di Giunta regionale n. 1763/2018

Requisiti previsti dal Bando Regionale

Percentuale Cofinanziamento

30,3%

Premialità Tecniche

Settore

Elaborazione di bilanci partecipati

Accordo formale preventivo

Modalità del monitoraggio e indicatori

L’Amministrazione di impegna a coinvolgere i proponenti dei progetti vincitori anche nella fase di attuazione degli interventi vincitori. Come per la scorsa edizione, i soggetti vincitori parteciperanno attivamente alla fase di realizzazione proponendo le soluzioni più adeguate per vedere realizzato al meglio il loro progetto. I membri del Comitato di garanzia locale si impegnano a partecipare al monitoraggio dei progetti, per condividere con la cittadinanza lo stato di avanzamento della realizzazione dei progetti vincitori. A fine processo, verrà inserita sulla piattaforma un sezione apposita per il monitoraggio della realizzazione dei progetti vincitori, così come già accaduto per il processo 2017/2018: https://www.vigolzonepartecipa.org/infodiscs/index/1 Per ognuno dei progetti vincitori (ma anche per i perdenti, che potrebbero trovare altre vie di attuazione) è disponibile una pagina per il ‘monitoraggio partecipato’ in cui Amministrazione, soggetti proponenti, stakeholder coinvolti e i cittadini in generale potranno inserire informazioni e allegare materiali di vario tipo: documenti testuali e/o audiovisivi, inerenti lo stato di avanzamento dei lavori, delibere e altri atti amministrativi. La sezione consentirà in particolare di informare i cittadini sulle tempistiche di svolgimento dell’iter realizzativo e di garantire la trasparenza rispetto alla documentazione amministrativa prodotta.

Altre manifestazioni di interesse

Si

Soggetti specifici

Non prevista nel bando di riferimento

Tipologia di Soggetto proponente

Comune con popolazione inferiore a 5.000 abitanti

Allegati

01 - Scheda progetto

comune di vigolzone_scheda_2018.pdf /

02 - Documento di proposta partecipata

comune vigolzone docpp 2018.pdf /

03 - Relazioni intermedie e finali

media/comune vigolzone rel.finale 2018 sito.pdf

Crediti

Processo segnalato da

Osservatorio partecipazione su documentazione regionale
Data ultima modifica: 20/05/2024